Spese di spedizione gratuite per ordini superiori a 49.90€

Insolazioni e colpi di sole, come prevenirli? - FarmaciaGaudiana.it

Insolazioni e colpi di sole, come prevenirli?
Questo articolo è stato corretto e revisionato dalla Dottoressa Rosa Orlando

Insolazioni e colpi di sole, come prevenirli?

Il colpo di sole, noto anche come insolazione, è una condizione derivante da una eccessiva e scorretta esposizione ai raggi UV, correlata spesso anche al caldo torrido di alcune giornate estive.

Che cos’è il colpo di sole?

Il colpo di sole è una condizione di pericolo per tutto il corpo e, in quanto tale, bisogna non prenderlo sottogamba: ai primi sintomi, di cui parleremo in seguito, bisogna a correre ai ripari, specialmente se si tratta di cefalea, nausea, vertigini e spossatezza diffusa.

Come abbiamo anticipato, si tratta di un disturbo causato da un'esposizione diretta, eccessiva e prolungata ai raggi del sole: in tali condizioni, l'azione del calore su tutto l’organismo si somma agli effetti delle radiazioni UV e infrarosse sulla testa e sui vasi cerebrali. Proprio per questo aspetto, i primi sintomi sono cefalea e vertigini, cui possono aggiungersi sintomi più gravi, quali malessere diffuso e nausea, fino alla perdita di coscienza.

Sintomi del colpo di sole

È facile capire quanto il colpo di sole possa rappresentare un pericolo serio per l'organismo e, quindi, quanto sia importante non sottovalutarlo.

Per tenere alla larga gli effetti nocivi di questo disturbo è essenziale comprendere e riconoscere i primi segnali d'allarme, per agire tempestivamente: il soggetto colpito da insolazione, generalmente, avverte un senso di confusione mentale e mal di testa. Parallelamente, potrebbero presentarsi irrequietezza, battito accelerato, cute calda al tatto, sudorazione eccessiva e vertigini.

Nei casi più gravi del colpo di sole, possono palesarsi anche:

  • Eritema sulle parti esposte al sole, con bolle, prurito e senso di bruciore sulla cute.
  • Occhi arrossati, lacrimazione e fastidio alla luce.
  • Nausea e vomito.
  • Febbre e brividi.

In alcuni casi potrebbe palesarsi un abbassamento dei livelli pressori, con conseguente svenimento.

Come agire tempestivamente

La prima cosa da fare è mettersi all'ombra, l’ideale sarebbe un ambiente fresco e chiuso. Quando i sintomi sono gravi e portano a svenimento, è bene portare il soggetto colpito dall'insolazione all’attenzione di un medico o al pronto soccorso, per poi, in un secondo momento, prendersi cura delle lesioni cutanee che si sono probabilmente formate.

Quando il colpo di sole è trattato tempestivamente, molti sintomi possono andar via entro poche ore, mentre è chiaro che gli altri si protrarranno per alcuni giorni: è il caso delle scottature o degli eritemi solari.

Come prevenire le insolazioni

Prevenire un colpo di sole non è assolutamente difficile, anzi, basta adottare le giuste buone abitudini quando si resta in spiaggia o in piscina tutto il giorno.

In linea generale, tali abitudini vanno assunte soprattutto durante le ore più calde della giornata, stando attenti a:

  • Non restare troppo tempo al sole e proteggersi con la giusta crema solare.
  • Prendersi delle pause dal sole in luoghi ombreggiati (meglio il bar del lido che sotto l’ombrellone, dato che spesso quest’ultimo lascia comunque passare i raggi UV).
  • Trascorrere del tempo in luoghi freschi e ventilati quando ci si sente accaldati.
  • Utilizzare protezioni fisiche, come cappelli o abiti leggeri e di colore chiaro, in fibre naturali (lino e cotone) che non ostruiscano la traspirazione.
  • Ridurre la temperatura corporea tuffandosi in acqua, oppure facendo diversi bagni e docce tiepide.

Per evitare l'insolazione, risulta importante anche adottare anche altre abitudini essenziali, che aiutano anche a vivere al meglio l’estate e il caldo:

  • Idratarsi a fondo, bevendo almeno due litri di acqua al giorno.
  • Assumere alimenti ricchi di acqua, come la frutta di stagione e la verdura fresca.
  • Evitare gli alcolici, così come i cibi o le bevande molto fredde.
  • Rinfrescare fronte e polsi, bagnandoli frequentemente con acqua fredda.
  • Non effettuare sforzi fisici troppo intensi.
  • Mettersi al sole progressivamente, riparandosi all’ombra nelle ore centrali e più calde della giornata (11-16) senza dimenticare di applicare le giuste creme solari e rinnovando l'applicazione ogni due ore e ogni qual volta ci si tuffa in acqua.


Se vuoi approfondire l’argomento o hai qualche domanda, contattaci. Il nostro team di professionisti sarà felice di risponderti.

Commenti: 0
Nessun commento
Rispondi

La tua email non sarà resa pubblica*