11 Erbe o Integratori per combattere la Depressione | Farmaciagaudiana.it

Spese di spedizione gratuite per ordini superiori a 49.90€


11 erbe e integratori per aiutare a combattere la depressione

La depressione è un disturbo dell'umore che colpisce oltre milioni di adulti in tutto il mondo, solo in Italia si stima che circa 3,5 milioni di persone la combattono ed in Europa si stima siano oltre 35 milioni i malati. Tuttavia, si pensa che il numero effettivo sia molto più alto, poiché molte persone con depressione non cercano il trattamento per vari motivi.

Quali sono i principali disturbi depressivi?

Di seguito sono riportate le cinque classificazioni dei disturbi depressivi, che condividono caratteristiche come tristezza, umore irritabile, una sensazione di vuoto e cambiamenti cognitivi che influenzano il funzionamento:

1) Disturbo depressivo maggiore (DDM)
Noto anche come depressione unipolare e disturbo unipolare, si tratta di un disturbo depressivo episodico grave. I sintomi devono essere presenti per almeno due settimane e rappresentano una modificazione rispetto al funzionamento precedente. E' più comune nelle donne che negli uomini (rapporto circa di 2:1). Variazione diurna dei sintomi con peggioramento nelle prime ore del mattino. Sono presenti rallentamento o agitazione psicomotoria. Associato a segni vegetativi e deliri congruenti con l'umore. Possono essere presenti allucinazioni. Età mediana di esordio 40 anni, ma può manifestarsi ad ogni età.

2) Disturbo da disregolazione dell'umore dirompente
Il disturbo da disregolazione dell’umore dirompente (DMDD) è un disturbo psichico che troviamo nei bambini e negli adolescenti ed è caratterizzato da un umore persistente arrabbiato o irritabile. E’ inoltre caratteristica del disturbo la frequenza di esplosioni di rabbia che sono sproporzionate rispetto alla situazione vissuta.

3) Disturbo depressivo persistente
E' un disturbo che si contraddistingue per umore depresso presente per la maggior parte del giorno, quasi tutti i giorni, per almeno 2 anni.

4) Disturbo disforico premestruale
Il disturbo disforico premestruale va considerato a tutti gli effetti un disturbo depressivo, analogo al disturbo depressivo maggiore ma si distingue da quest'ultimo per il fatto di determinare sintomi psicoemotivi periodici e di durata limitata nel tempo, in concomitanza con il calo drastico di estrogeni caratteristico della fase post ovulatoria del ciclo mestruale.

5) Disturbo depressivo dovuto a un'altra condizione medica
Abbiamo in questo caso un periodo significativo e costante di umore depresso o rilevante diminuzione di interesse o piacere in tutte o gran parte delle attività dovuto agli effetti fisiologici prodotti da una certa condizione medica. Uno dei modi per verificare la correlazione tra il disturbo depressivo e la condizione medica è verificare l’associazione tra l’esordio , il peggioramento o la remissione della condizione medica generale rispetto al disturbo dell’umore.

I disturbi depressivi sono trattati con farmaci e psicoterapia. Le modifiche dello stile di vita, compresi i cambiamenti nella dieta e l'assunzione di alcuni integratori, possono tuttavia anche aiutare le persone affette da depressione.
Per esempio, la ricerca mostra che specifiche vitamine, minerali, erbe e altri composti possono essere particolarmente efficaci nel migliorarne i sintomi.

Gli 11 Integratori e le Erbe Naturali per combattere la depressione e i suoi sintomi.


1. Acidi grassi omega-3

I grassi omega-3 sono grassi essenziali, il che significa che è necessario ottenerli dalla dieta. Alcuni studi dimostrano che gli integratori di omega-3 possono aiutare a trattare la depressione.
Nel 2020, uno studio effettuato su 638 donne, ha trovato che gli integratori di acidi grassi omega-3 hanno migliorato significativamente i sintomi depressivi nelle donne incinte e post-partum.
Nello studio, gli integratori con un più alto rapporto di acido eicosapentaenoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA) erano particolarmente efficaci. EPA e DHA sono due tipi di acidi grassi omega-3, entrambi comuni nei frutti di mare.
Un'altra revisione di 26 studi con 2.160 partecipanti ha scoperto che gli integratori di omega-3 hanno esercitato un effetto positivo generale sul trattamento dei sintomi depressivi.
In particolare, i ricercatori hanno concluso che le formulazioni di omega-3 che contenevano il 60% o più di EPA in una dose di 1 grammo o meno al giorno erano più efficaci.
Mentre questi risultati sono promettenti, altri studi hanno osservato risultati misti, ad esempio, uno studio del 2019 ha scoperto che gli integratori di omega-3 non hanno ridotto i sintomi depressivi nei bambini e negli adolescenti con MDD
Nel complesso, gli integratori di omega-3 sono ben tollerati e una sana aggiunta alla vostra dieta se manca il pesce grasso. Possono anche aiutare a trattare la depressione in certe popolazioni.


2. NAC (N-acetilcisteina)

NAC è un precursore degli aminoacidi L-cisteina e glutatione. Il glutatione è considerato uno dei più importanti antiossidanti nel tuo corpo ed è fondamentale per regolare l'infiammazione e proteggere le cellule dai danni ossidativi
L'assunzione di NAC ha dimostrato di offrire diversi benefici per la salute, tra cui l'aumento dei livelli di glutatione (GSH) del tuo corpo.
La ricerca mostra che le persone con depressione hanno maggiori probabilità di avere livelli più elevati di citochine infiammatorie come la proteina C-reattiva, interleuchina-6 e fattore di necrosi tumorale-alfa, l'assunzione di NAC può aiutare a ridurre l'infiammazione e ad alleviare i sintomi depressivi
L'assunzione di N-acetilcisteina, inoltre, può migliorare la disregolazione dei neurotrasmettitori in quelli con disturbi psichiatrici. La disregolazione dei neurotrasmettitori come la dopamina e il glutammato può essere associata a disturbi dell'umore e alla schizofrenia, tra le altre condizioni
Infine, una revisione del 2016 di cinque studi ha concluso che il trattamento con NAC ha ridotto significativamente i sintomi depressivi e migliorato il funzionamento in persone con depressione rispetto ai trattamenti placebo. Inoltre, gli integratori di NAC erano sicuri e ben tollerati.
Si pensa che dosi di 2-2,4 grammi al giorno aiutino a trattare disturbi psichiatrici come la depressione.

3. Zafferano

Lo zafferano è una spezia dai colori vivaci che è piena di composti antiossidanti, compresi i carotenoidi, crocina e crocetina. È interessante notare che lo zafferano si è dimostrato promettente come trattamento naturale per la depressione.
Gli studi hanno osservato che aumenta i livelli di serotonina, neurotrasmettitore dell'umore, nel cervello. Mentre non si sa esattamente come funziona questo processo, si pensa che lo zafferano inibisca la ricaptazione della serotonina, mantenendola così più a lungo nel cervello.
Un'analisi di cinque studi randomizzati controllati ha trovato che l'integrazione con lo zafferano ha ridotto significativamente i sintomi depressivi negli adulti con MDD rispetto ai trattamenti con placebo.
Inoltre, la revisione ha trovato che gli integratori di zafferano sono stati altrettanto efficaci nel ridurre i sintomi depressivi come i farmaci antidepressivi.
Tuttavia, i ricercatori hanno riconosciuto che sono necessari studi più grandi con periodi di follow-up più lunghi per valutare meglio la capacità dello zafferano di aiutare a trattare la depressione.

4. Vitamina D

La vitamina D è un nutriente critico che svolge numerosi ruoli essenziali nel tuo corpo. Sfortunatamente, molte persone non hanno livelli sufficienti di vitamina D, comprese le persone con depressione.
La ricerca mostra che le persone con depressione hanno maggiori probabilità di essere basse o carenti di vitamina D. Piu' nello specifico, le persone che soffrono di depressione tendono ad avere livelli di vitamina D più bassi rispetto alla popolazione generale, ed in particolare, le persone con i livelli più bassi, tendono ad avere i sintomi depressivi più accentuati.
La vitamina D può combattere la depressione attraverso diversi meccanismi, tra cui la riduzione delle infiammazioni, la regolazione dell'umore e la protezione contro le disfunzioni neurocognitive. Uno studio del 2019, ha rilevato che gli integratori di vitamina D hanno portato a benefici clinici nelle persone con depressione maggiore.
Inoltre, uno studio del 2020 in persone con depressione che erano carenti di vitamina D ha scoperto che ricevere una singola iniezione di 300.000 UI di vitamina D insieme al loro trattamento abituale ha migliorato significativamente i sintomi depressivi, la qualità della vita e la gravità della malattia.
Tuttavia, una revisione del 2020 di 61 studi ha concluso che anche se i livelli di vitamina D sono legati ai sintomi depressivi e gli integratori possono aiutare, sono necessarie ulteriori prove prima che la vitamina D possa essere raccomandata come trattamento universale per la depressione.

5. Rodiola (Rhodiola rosea)

La Rodiola è un'erba legata a una varietà di potenziali benefici per la salute se assunta sotto forma di integratori. Questi includono la riduzione dei sintomi depressivi e una migliore risposta allo stress, che può aiutare il tuo corpo ad adattarsi alle situazioni di stress.
Quest'erba naturale può esercitare effetti antidepressivi attraverso la sua capacità di migliorare la comunicazione delle cellule nervose e ridurre l'iperattività dell'asse ipotalamo-ipofisi-adrenocorticale (HPA).
L'asse HPA è un sistema complesso che regola la risposta allo stress del tuo corpo. La ricerca suggerisce che l'iperattività dell'asse HPA può essere associata alla depressione maggiore.
Alcuni studi dimostrano che l'integrazione con la rodiola può giovare a chi soffre di depressione.
Per esempio, uno studio su 57 persone con depressione ha scoperto che il trattamento con 340 mg di estratto di rodiola al giorno per 12 settimane ha portato a riduzioni clinicamente significative dei sintomi depressivi.
Inoltre, mentre il trattamento con la rodiola era meno efficace del farmaco antidepressivo Sertraline, ha causato molti meno effetti collaterali.
Un altro studio ha scoperto che un integratore composto da rodiola e zafferano ha ridotto significativamente i sintomi della depressione e dell'ansia negli adulti con depressione da lieve a moderata dopo 6 settimane.

6. Vitamine del gruppo B 

Le vitamine del gruppo B giocano un ruolo importante nella funzione neurologica e nella regolazione dell'umore. Le vitamine del gruppo B, tra cui il folato, la B12 e la B6, sono necessarie per la produzione e la regolazione di neurotrasmettitori come la serotonina, l'acido gamma-aminobutirrico (GABA) e la dopamina.
La ricerca mostra che le carenze di vitamina B12 e folato possono aumentare il rischio di depressione, e l'integrazione di questi nutrienti può aiutare a ridurre i sintomi depressivi in certe popolazioni.
Per esempio, gli integratori di folato (o acido folico) possono ridurre i sintomi della depressione resistente al trattamento nei bambini e negli adulti che hanno una mutazione genetica che colpisce il metabolismo del folato.
L'integrazione di vitamina B12 ha anche dimostrato di ridurre i sintomi depressivi nelle persone con MDD quando è usata insieme ai farmaci antidepressivi.
Uno studio del 2020 ha suggerito allo stesso modo che l'assunzione precoce di integratori di vitamina B12 può ritardare l'insorgenza della depressione e migliorare gli effetti dei farmaci antidepressivi.
La vitamina B6 è stata anche trovata per migliorare i sintomi depressivi quando usata in combinazione con altri nutrienti, tra cui il triptofano e una forma di vitamina B3 chiamata nicotinamide.

7. Zinco 

Lo zinco è un minerale fondamentale per la salute del cervello e la regolazione dei percorsi dei neurotrasmettitori. Vanta anche proprietà antiossidanti e antinfiammatorie .La carenza di zinco è fortemente legata a un aumento del rischio di depressione e della gravità dei sintomi depressivi.
Un'analisi di 17 studi specifici ha trovato che i livelli di zinco nel sangue erano circa 0,12 µg/mL più bassi nelle persone con depressione rispetto a quelle senza la condizione. Lo studio ha anche associato una maggiore carenza di zinco con maggiori sintomi depressivi.
Allo stesso modo, una revisione che ha incluso quattro studi di controllo randomizzati ha scoperto che quando i partecipanti hanno preso integratori di zinco insieme ai loro farmaci antidepressivi, hanno sperimentato sintomi depressivi significativamente abbassati.

8. S-Adenosilmetionina (SAMe)

SAMe è un composto contenente zolfo che si e' dimostrato promettente nel trattamento della depressione. Si trova naturalmente nel tuo corpo e svolge un ruolo importante nel funzionamento del cervello.
Uno studio del 2020 ha trovato che SAMe, quando usato da solo o con farmaci antidepressivi, ha migliorato i sintomi depressivi in persone con MDD. Le dosi giornaliere variavano da 200-3.200 mg, mentre il tempo di trattamento variava da 2-12 settimane.

9. Erba di San Giovanni

L'erba di San Giovanni è un'erba popolare che ha dimostrato di essere promettente nel ridurre i sintomi nelle persone con depressione.
Una revisione del 2016 di 35 studi ha trovato che il trattamento con l'erba di San Giovanni ha ridotto i sintomi nelle persone con depressione da lieve a moderata. Tuttavia, l'integratore non si è dimostrato efficace per il trattamento della depressione grave.
Come molte altre erbe, l'erba di San Giovanni ha il potenziale di interagire con i farmaci comunemente usati. In particolare, l'erba può interagire gravemente con alcuni farmaci antidepressivi, portando a effetti collaterali potenzialmente pericolosi per la vita.

10. Magnesio

Il magnesio è un minerale importante che può giovare a chi soffre di depressione. La carenza di magnesio è comune tra le persone con depressione, e la ricerca mostra che integrarlo può ridurre i sintomi depressivi.
Uno studio randomizzato su 126 persone con depressione da lieve a moderata ha scoperto che l'assunzione di 248 mg di magnesio al giorno per 6 settimane ha migliorato significativamente i sintomi depressivi rispetto a un placebo.

11. Creatina

La Creatina è un acido organico che gioca un ruolo importante nel mantenimento dell'energia del cervello, tra le altre funzioni. Si pensa che i livelli di energia cerebrale alterati siano coinvolti nello sviluppo della depressione.
Alcuni studi suggeriscono che l'integrazione con 2-10 grammi di creatina al giorno può ridurre i sintomi nelle persone con MDD.

  • 23/ 03/ 2021
  • Categoria: Benessere
  • Commenti: 0
Prodotti correlati
Commenti: 0
Nessun commento
Rispondi

La tua email non sarà resa pubblica*