Perchè le Mascherine sono importanti per combattere il Covid-19 | farmaciagaudiana.it

Spese di spedizione gratuite per ordini superiori a 49.90€
Perchè le Mascherine sono importanti per combattere il Covid-19

Perchè le Mascherine sono importanti per combattere il Covid-19


Dalla Cina alla fine del 2019 una nuova variante di Coronavirus si è rapidamente diffusa in tutto il mondo. Il nome che è stato dato a questo virus è SARS-CoV-2 e la malattia che provoca è il COVID-19.

I sintomi di questa malattia possono essere molto variabili: mentre alcuni soggetti COVID-19 hanno una sintomi lievi o sono addirittura asintomatici, altri possono presentare difficoltà respiratorie, insufficienza respiratoria fino a polmoniti interstiziali estremamente gravi. Le persone anziane e quelle con condizioni di salute di precarie sono quelle maggiormente a rischio

Di pari passo con il virus è aumentata la sensibilità della popolazione ai dispositivi per la protezione delle vie respiratorie. I Virologi hanno infatti evidenziato come l’utilizzo di mascherine e dispositivi di protezione delle vie respiratorie possano essere utile per prevenire il contagio.

Le mascherine protettive sono efficaci e se sì, quando bisogna indossarle?

Le principali mascherine per la protezione delle vie respiratorie generalmente si identificano tre tipi:

  • Mascherina in Cotone o TNT fatte in casa
  • Mascherina Chirurgica in triplo velo
  • Mascherina filtrante FFP2 KN95

1. Mascherina in Cotone fatte in casa

Per prevenire la diffusione del virus da parte di persone senza sintomi, il Ministero della Salute raccomanda l’utilizzo a tutti di una mascherina, anche di stoffa o cotone. Le mascherine in stoffa vanno lavate ed igienizzate ad ogni utilizzo.

Scopri sul nostro blog Quali sono i migliori materiali per le mascherine fatte in casa

Perchè sono importanti?

  • Possono essere realizzate a casa con materiali comuni e di facile reperibilità
  • Riducono il rischio per malati asintomatici di trasmettere il virus parlando, tossendo o starnutendo.
  • Rappresentano una protezione maggiore rispetto a non usare alcuna mascherine

Tuttavia possiedono alcuni svantaggi come:

  • Possono fornire un falso senso di sicurezza: offrono infatti una protezione parziale ed inferiore rispetto alle mascherine chirurgiche o alle mascherine filtranti
  • Non sostituiscono né riducono la necessità di altre misure di protezione. Come le buone norme igieniche ed il distanziamento sociale 

Quali sono le indicazioni per Mascherine in Cotone o TNT fatte in casa?

  • Indossare le mascherine in luoghi pubblici, in particolare nelle aree più frequentate come negozi, uffici e farmacie.
  • Non mettere maschere a bambini di età inferiore ai 2 anni e a persone con difficoltà respiratorie
  • Utilizzare maschere facciali di stoffa anziché maschere chirurgiche o respiratori FFP2 KN95, poiché questi dispositivi devono essere riservati agli operatori sanitari e ad altri soccorritori medici.
  • Gli operatori sanitari devono prestare la massima attenzione quando usano mascherine per il viso fatte in casa. Preferibilmente dovrebbero essere utilizzate in associazione ad uno schermo facciale che copre l’intero volto

Che grado di protezione offrono queste mascherine?

Le maschere fatte in casa offrono solo un piccolo grado di protezione, ma possono aiutare a prevenire la diffusione di SARS-CoV-2 da parte di persone ammalate asintomatiche. Il Ministero della Salute raccomanda di usarle in luoghi pubblici assieme alle buone norme igieniche e di distanziamento sociale

2. Mascherine chirurgiche

Le Mascherine Chirurgiche sono maschere facciali usa e getta che coprono naso, bocca e mento. Possiedono un ferretto sul naso per modellarle e favorirne l’adesione al volto. Si ancorano mediante elastici attorno alle orecchie che le fanno aderire. In genere sono utilizzate per:

  • Proteggere chi lo indossa da spruzzi e gocce di particelle di grandi dimensioni
  • Prevenire la diffusione di secrezioni respiratorie potenzialmente infettive - i droplets - da chi lo indossa ad altri

Le Mascherine Chirurgiche hanno una protezione intermedia nei confronti del contagio da Sars-CoV-2. La Mascherina infatti ostacola la fuoriuscita delle particelle più piccole di aerosol, tuttavia non avendo una chiusura ermetica puó avere delle perdite che possono causare contagio. Le Mascherine Chirurgiche non proteggono dalle infezioni da SARS-CoV-2 tuttavia possono aiutare a intrappolare le secrezioni respiratorie infette. Questo può essere uno strumento vitale per aiutare a prevenire la diffusione del virus ad altre persone nei dintorni.

Come si usa correttamente una maschera chirurgica?

  1. Pulisci le mani, lavandole con acqua e sapone o usando un disinfettante per le mani a base alcolica.
  2. Prima di indossare la maschera, ispezionarla per eventuali rotture o buchi.
  3. Individua la striscia di metallo nella maschera. Questa è la parte superiore della maschera.
  4. Orienta la maschera in modo che il lato colorato sia rivolto verso l'esterno
  5. Posiziona la parte superiore della maschera sul ponte del naso, modellando la striscia di metallo sulla forma del naso.
  6. Avvolgi delicatamente le fasce elastiche dietro le orecchie o legare i lacci lunghi e diritti dietro la testa.
  7. Abbassa la parte inferiore della maschera, assicurandoti che copra naso, bocca e mento.
  8. Cerca di evitare di toccare la maschera mentre la indossi.
  9. Per togliere la maschera, sgancia le fasce da dietro le orecchie ed evita di toccare la parte anteriore della maschera che potrebbe essere contaminata.
  10. Smaltire prontamente la maschera in un bidone della spazzatura chiuso, pulendo accuratamente le mani

3. Mascherine Filtranti FFP2 KN95

Una Mascherine Filtrante FFP2 KN95 è una maschera facciale più aderente. Oltre a schizzi, spruzzi e grandi goccioline, questo dispositivo permette di filtrare il 95% di particelle molto piccole inclusi virus e batteri. Il respiratore è generalmente di forma circolare o ovale ed è progettato per formare una chiusura ermetica sul viso. È dotato di fasce elastiche che aiutano a tenerlo ancorato saldamente sul viso. Alcuni tipi possono avere un accessorio chiamato valvola di espirazione, che può aiutare con la respirazione e l’espulsione del calore ed umidità accumulati.

I respiratori facciali FFP2 KN95 possono proteggere da goccioline respiratorie più piccole, come quelle contenenti SARS-CoV-2. Garantiscono quindi una protezione ottimale.

Indossare una maschera facciale protettiva può proteggere dal Coronavirus 2019?

SARS-CoV-2 si diffonde da persona a persona attraverso piccole goccioline respiratorie chiamate droplets: gocce di saliva nebulizzata contenenti carica virale. Questi sono espulsi quando una persona con il virus espira, tossisce o starnutisce. Puoi contrarre il virus se respiri queste goccioline. Inoltre, le goccioline respiratorie contenenti il ​​virus possono atterrare su vari oggetti o superfici. Anche toccare un oggetto o una superficie contaminati e quindi toccare gli occhi, il naso o la bocca può causare infezioni. 

Utilizzare una mascherina protettiva permette a chiunque di proteggersi. Se tutta la popolazione nè indossasse una le possibilità di contagio sarebbero ridotte al minimo: il Ministero della Salute consiglia l'utilizzo a tutta la popolazione di una mascherina protettiva in base alle proprie necessità o al proprio lavoro. Riserva le Mascherinee Chirurgiche e Mascherine Filtranti FFP2 KN95 ad ospedali e operatori sanitari.

L'utilizzo di dispositivi di protezione individuale và sempre associato al rispetto di norme igieniche e al distanziamento sociale

Se hai dubbi sulle varie tipologie di mascherine scopri di più nel nostro articolo Mascherine Chirurgiche, KN95, FFP2 o FFP3? Facciamo Chiarezza

Norme Igieniche da rispettare

L'utilizzo di dispositivi di protezione individuale deve sempre associato al rispetto di norme igieniche e al distanziamento sociale

  • Lavarsi le mani frequentemente. Usando acqua e sapone o un disinfettante per le mani a base di alcol.
  • Praticare il distanziamento sociale. Evitare il contatto con persone malate e restare a casa se ci sono molti casi COVID-19 nella tua comunità.
  • Essere consapevoli del proprio corpo. Non toccare il viso o la bocca sè non con mani pulite ed igienizzate

Bisogna indossare una mascherina se abbiamo ammalati in casa?

Se ti prendi cura di qualcuno a casa ci sono delle buone abitudini da rispettare:

  • Isolare l'ammalato in un'area separata della casa lontano da altre persone, fornendo idealmente anche un bagno separato.
  • Procurare una scorta di mascherine chirurgiche che deve indossare l’ammalato
  • Usare guanti monouso quando si maneggia biancheria sporca. Gettare i guanti in un bidone della spazzatura chiuso dopo l'uso e lavarsi prontamente le mani.
  • Lavarsi spesso le mani con acqua e sapone o un disinfettante per le mani a base di alcol. Cercare di non toccare occhi, naso o bocca se le mani non sono pulite.
  • Pulire quotidianamente le superfici come maniglie delle porte e tastiere.

Quanto dura una mascherina? 

Le mascherine FFP2 o FFP3  hanno un alto potere filtrante in uscita e verso chi le indossa (92% circa per le FFP2 e 99% circa per le FFP3).  Sono consigliate a chiunque si trovi in una situazione ad alto rischio, come ad esempio spazi chiusi con poco ricambio d’aria e affollati. Il quesito che maggiormente viene posto a dottori, medici e farmacisti è: quante ore dura una mascherina? Orientativamente possiamo contare su una protezione sicura per circa 8 ore consecutive, ovvero la durata di un turno lavorativo. Nell’uso quotidiano, se indossata per poco tempo e in situazioni non ad alto rischio di contagio, una mascherina FFP2 monouso può essere utilizzata una seconda volta, tenendo però presente che la sua capacità filtrante potrebbe essere ridotta, per questo motivo è sempre consigliato disinfettare le mascherine tra un utilizzo e l'altro con una soluzione idroalcolica (con concentrazione di alcol pari o superiore al 70%); Un esempio è ALCOL MASK Spray igienizzante
Esistono poi alcuni tipi di mascherine riutilizzabili, identificate con il simbolo "R", a differenza delle precedenti non riurilizzabili "NR". Nella maggioranza dei casi le filtranti FFP sono usa e getta. È fondamentale leggere la dicitura che si trova su di esse per capirlo. Oltre al marchio CE, infatti, le semi-maschere filtranti riportano il codice della normativa EN 149 con l’anno di riferimento, la classificazione FFP e l’indicazione obbligatoria R o NR, e quella opzionale D. “R” sta per riutilizzabile, “NR” per non riutilizzabile, mentre “D” si riferisce a eventuale test di intasamento.

Articoli correlati
07.04.2020
Differenze tra mascherine Ffp3, Ffp2 o Chirurgiche, facciamo chiarezza.
05.05.2020
I migliori materiali per le Mascherine fatte in casa
Commenti: 0
Nessun commento
Rispondi

La tua email non sarà resa pubblica*