Spese di spedizione gratuite per ordini superiori a 49.90€
media

Si parla di ipersudorazione quando si soffre di una eccessiva produzione di sudore. Questo disturbo può interessare una o più aree del corpo ed è abbastanza comune.

Cause

La produzione di sudore è fisiologica ed è un'importante funzione che l’organismo ha per termoregolarsi: quando la temperatura interna si innalza, le ghiandole sudoripare (fra due ed i quattro milioni distribuite su tutto il corpo) lavorano rilasciando acqua calda, tenendo così la temperatura su livelli normali.

Le ghiandole sudoripare sono maggiormente presenti su palmi delle mani, piante dei piedi, ascelle e zona genitale. Anche quando scoppiamo di salute, il nostro corpo produce quotidianamente circa mezzo litro di sudore al giorno, quantità che aumenta a due litri nei periodi più caldi dell'anno.

L'iperidrosi è definita come:

  • primaria quando le cause non sono note;
  • secondaria quando è generata da ipertiroidismo, obesità, patologie a carico del sistema nervoso centrale, patologie a carico del sistema nervoso periferico, assunzione di determinati farmaci, stati febbrili.

Altro fattore scatenante dell’iperidrosi sono i disordini ormonali tipici dell’età adolescenziale ma anche di un periodo critico come quello della menopausa. Una pianta in grado di ridurre le vampate tipiche di quest’ultima e quindi la sudorazione, particolarmente adatta quando la donna manifesta contemporaneamente ansia, nervosismo e insonnia, è la cardiaca (Leonurus Cardiaca).

L’alimentazione gioca un ruolo importante. Chi tende a sudare molto, dovrebbe avere un’alimentazione ricca di piante aromatiche e assumere la giusta quantità di sale.

Prevenzione

Nei soggetti che soffrono di ipersudorazione, il disturbo può essere contrastato indossando abiti in fibre naturali, scarpe in pelle, idratando e detergendo più volte al giorno la zona ascellare, evitando di abusare di alcol, cibi piccanti e alimenti come carni e formaggi.

Oltre a prevenzione e cura dell'igiene, l'ipersudorazione può essere combattuta, in casi specifici, con la somministrazione di ansiolitici e anticolinergici.

Se hai domande, curiosità oppure vuoi semplicemente approfondire l’argomento, contattaci! Il nostro team è sempre pronto a rispondere alle tue esigenze.

  • 06/ 08/ 2019
  • Commenti: 0
Prodotti correlati
Commenti: 0
Nessun commento
Rispondi

La tua email non sarà resa pubblica*

Sezioni del blog